Con il termine accessori nell'ambito dell'erba sintetica si intendono quei complementi necessari alla corretta installazione dei manti in erba artificiale.
Gli accessori si dividono in due grandi categorie: i sistemi di incollaggio e i sistemi di intaso o riempimento.

L'erba sintetica è prodotta in termine tecnico in teli. È necessario ricordarsi che l'origine, e anche l'attuale appartenenza, di questo settore è il tessile. Questo prodotto confezionato in rotoli, di tutti gli spessori e tipologie, soprattutto all'esterno deve essere ben ancorato al suolo e giuntato tra i teli.
Per entrambe le operazioni è necessario disporre come accennato sopra di incollaggi e intasi che permettono sia gli ancoraggi che le "saldature" tra rotoli.

Iniziamo con i sistemi di incollaggi.
Il più semplice è il bloccaggio dei teli con un nastro bi adesivo. Per poter utilizzare questo sistema il presupposto è che la superficie di posa deve essere liscia e non porosa, ad esempio l'asfalto a grana fine di un fronte bar, le piastrelle di un terrazzo o ancora la superficie cementata di un piazzale. Il postulato fondamentale è che il piano di posa deve essere molto regolare, pulito da terriccio o simili e il più levigato possibile. Questo perché altrimenti il nastro non attacca. Se ci sono queste caratteristiche questa soluzione è consigliata perché veloce, facile e alla portata di tutti.
Il secondo sistema di incollaggio, che è quello utilizzato anche per l'impiantistica sportiva, prevede l'utilizzo di un nastro di giunzione il quale deve essere cosparso di uno speciale collante, generalmente a due componenti, e su questo nastro si accostano i lembi dei rotoli per giuntarli tra di loro.
Qui il terreno può essere di qualsiasi tipo. È ovvio che anche in questo caso la superficie di posa deve essere priva di asperità ma al contrario del nastro bi adesivo il terreno può essere poroso: vedi la posa dell'erba sintetica sulla terra battuta.

I sistemi di incollaggio sono una parte determinante per la corretta posa di un manto in erba sintetica e da una buona giuntura dei rotoli tra di loro dipende anche la durata nel tempo dell'intero spazio arredato con l'erba sintetica.

Gli altri accessori fondamentali nell'erba sintetica sono i materiali da intaso. Fin dall'inizio della sua storia l'erba sintetica nasce con la possibilità di essere riempita/intasata con fine sabbia di fiume.
Questo perché la sabbia oltre a svolgere il ruolo di ancorante consentiva ad esempio nell'impiantistica dedicata al tennis di avere una superficie con meno "grip" e quindi più imitante la rossa terra battuta. Questa soluzione naturalmente era ottima anche per piccoli impianti polivalenti dedicati al calcio, il calcio a cinque nasce forse più dall'erba sintetica che viceversa, o alla pallavolo.
Con l'aumentare degli spessori, con i manti in erba sintetica alti fino a sei centimetri, gli intasi andavano via via svolgendo un ruolo sempre più importante. La sabbia rimaneva il materiale principe degli intasi ma a questo negli anni novanta si è aggiunta la gomma in granuli.

L'esigenza nasceva dal fatto che la sabbia per quanto fine e a spigolo arrotondato - di fiume appunto - non impediva a chi cadeva negli sport di contatto, in primis il calcio, di "sbucciarsi" cadendo.
I granuli di gomma, di provenienza da pneumatico riciclato, hanno consentito ad un costo relativamente modesto di coprire l'intera superficie dell'erba sintetica di materiale morbido ed elastico che se aggiunto alla sabbia nelle giuste proporzioni, rendeva l'impianto perfetto per disputare sport senza farsi male in caso di caduta, con risposte ottime di rimbalzo palla.

Ad oggi questa è la soluzione, sabbia e granuli di gomma, che offre le prestazioni migliori in termini di elasticità, sicurezza atleti, durata e costo. Tutte le altre non sono all'altezza.
I granuli di gomma, peraltro solo in Italia, ad un certo punto si è voluti ricoprirli o più precisamente in termine tecnico incapsularli. Questo perché, anche qui solo in Italia, sono girate voci di rilascio da parte del granulo riciclato di sostanze nocive per la salute dell'uomo o inquinanti. Voci del tutto smentite nel corso degli anni in seguito ad approfondite analisi chimiche.

Ma ormai, in Italia e solo in Italia, il danno era fatto. Il risultato è che il granulo incapsulato e poi colorato, generalmente di verde, ha almeno tre volte il costo del granulo nero con il conseguente aumento ingiustificato in termini di costi dell'impianto realizzato.

Nel resto del mondo si usa il granulo nero che peraltro ha performance elastiche migliori di quello incapsulato in quando non "seccato" da materiali e additivi che ne alterano le proprietà.
La FiFa omologa il granulo nero per i campi di calcio di tutto il mondo.

Nel mondo dell'erba decorativa il granulo di gomma è poco utilizzato perché prevalentemente inutile. I tappeti decorativi sono molto folti e non necessitano di nessun intaso o al massimo di un po’di sabbia.

Ecco questa è a grandi linee la sintesi degli accessori a corredo dell'erba sintetica.
Il presupposto rimane però sempre il prodotto di partenza: erba sintetica di qualità.